Go to content area

 

Canale youtube Canale Facebook
Canale youtube

 

PLEXUS INTERNATIONAL

Plexus International is an art venture of artists in the first person

Since its beginning, in 1982, Plexus International is committed to the achievement of a heightened understanding of alternatives to enhance human experience. All over these years, through the organization and documentation of large international collaborative community-based art events, Plexus is placing its activities in an expanded art and science environment, crossing separations, categorizations, and classifications. The cross-disciplinary nature of Plexus International is directed against specialization and fragmentation. Each Plexus Art Co-Opera takes place in its own present, but it is made up of past concepts and activities while it projects its own various parts into Plexus future events. Through documentation, Plexus concepts, people and events, are linked together, involving in some occasions, at the same time, hundreds of artists and scientists. Without grants or market support and auto-financed, in these events in which more than 1000 artists from all over the world have participated, Plexus International has encouraged, and is still encouraging, creative critical interactions among all participants.
Plexus nature is like a chain, with its concepts connected together and its events built one upon the other on a metaphoric theme created by artists of interest to them, with materials of all kinds claimed appropriate for them and where the ordinary standards of modernism or any other “ism,” claimed significant by the established art world, are not taken into consideration. Intentionally, Plexus has rejected the Artworld system with its art definitions and has refused to label its activities under any art categories.

Plexus International has  brought artists and scientists together on an art journey  for freedom, against all forms of ancient or contemporary slavery, deliberately placing itself outside the art system, rejecting its definitions and categories, in the panorama of contemporary art characterized by the historical brevity of its artistic groups and movements.

 

Plexus International as a community-based art journey set its sail in 1984 from the Lower East Side Community of New York, with the open call "In Order to Survive" aimed at the survival of artists in the community.   Plexus rejecting the concept of "art just as a commodity for the skae of art", has positioned instead “ art’  in the "community", as a vital part of the wider reality in which we all live. Therefore, Plexus International has intentionally moved since 1986 the gravity of its actions from the New York art world to the Door of the Non-Return of the House of the Slaves of Goree, Dakar, as its aesthetic and ethical stage from which to symbolically start the return of art in the community, challenging the artistic identification as of exclusive prerogative to the art world and claiming instead the right also for the community to confer the artistic identification to its artists.

 

From the Door of No Return, in 1988, it was launched the Plexus Art Slavery Manifesto Open Call, with an open letter to all the artists of the world for a reflection on the autonomy of art from the market, proposing the renegotiation of a new art contract to defense of all artists, especially those outside or at the margins of the art world. The value of an artist cannot and should not be measured only by the economic value of her/his works. This transformation of a work of art into "money" requires definitions given by the art world, which Plexus International has never intentionally taken into consideration.

 

 The Door of No Return has become in the journey of Plexus International the metaphor of crossing a threshold – "open the door of your heart to go into the future" for a change of course in the process of widening the perception and acquisition of new knowledge in the context of the explorations underway in contemporary art. Passing through this door means, therefore, the artist-in-first-person commitment in this sense within the art community.

 

In this global cultural navigation, Plexus International has linked art to improving the quality of life (well-being), as a human right for all; a conscious way of living, individual and collective. Since its inception, Plexus has turned itself to experimental artistic researches of alternatives aimed at improving human experience, through social, environmental and economic change, imagined and explored through artistic practice, in which art is an essential element of human evolution. There is the awareness of the necessary interconnection between all spheres of life.

"We humans are a single, interdependent species widespread throughout the world. Although we like it or not, we are intimately bound with each other around the earth. East and West, North and South, our destiny is united together "(PLEXUS International Open Call for Well Being in the XXI Century, Cagliari, 1995).

 

Plexus International è un’avventura di artisti in prima persona


MICROSTORIA

 

Plexus International, attivo daL 1982, ha unito insieme artisti e scienziati in un viaggio dell’arte per la liberta’, contro ogni forma di schiavitù antica o contemporanea, ponendosi intenzionalmente al di fuori del sistema dell’arte, rifiutando le sue definizioni e categorie.  Per la sua natura aperta, Plexus si potrebbe considerare una “esperienza artistica comunitaria sperimentale in divenire”,  ma ha sempre resistito a definirsi e continua ancora oggi a farlo. Plexus International si e’ radicato a New York, Roma, Dakar, Cagliari e a Cairns in Australia, realizzando numerosissimi eventi, “art-opere” e “art-coopere”, in diverse parti del mondo in cui oltre 1000 artisti vi hanno partecipato, con richiami d’attenzione verso le biodiversità anche sociali; la mercificazione del mercato dell’arte e le possibilità alternative a esso; la schiavitù intesa in senso storico e metaforico; la ricerca di forme libere di espressione e di sviluppo sostenibile.  Sin dal suo inizio, nel 1982 a New York, Plexus International è stato concepito come un progetto creativo sperimentale rivolto alla ricerca di alternative atte a migliorare l’esperienza umana, attraverso un cambiamento sociale, ambientale ed economico immaginato ed esplorato attraverso la pratica artistica, in cui l'arte e’ percepita come un elemento imprescindibile dell'evoluzione umana, e non una merce di scambio economico.

Agli inizi degli anni ‘80, rifiutando la crescente mercificazione dell’arte, Plexus International ha spostato il centro della  sua attenzione dal mercato dell’arte di New York alla Porta del Non Ritorno della Casa degli Schiavi di Gorée, Dakar, come piattaforma estetica ed etica da dove ricominciare simbolicamente il rimpatrio dell’arte nella comunità. Dalla Porta del Non Ritorno, nel 1988, ha lanciato il Plexus Art Slavery Manifesto,  con una lettera aperta a tutti gli artisti del mondo per una riflessione sull’autonomia dell’arte dal mercato, proponendo la rinegoziazione di un nuovo contratto dell’arte a difesa di tutti gli artisti, soprattutto di quelli fuori o ai margini del mondo dell’arte. Congiuntamente ha messo in discussione la prerogativa del conferimento dell'identificazione artistica di esclusivo appannaggio al mondo dell'arte, rivendicando il diritto anche per la comunità di conferire l’identificazione artistica ai suoi artisti. Il valore di un artista non puo’ e non deve essere misurato solo dal valore economico delle sue opere. I rapporti finanziari sulle vendite all'asta di opere d'arte dimostrano lo stretto rapporto tra il mondo dell'arte e il mercato dove le opere  sono comprate e vendute come qualsiasi altro prodotto ad elevato profitto o speculazione: oro, diamanti, titoli azionari. Questa trasformazione di un’opera d’arte in “denaro” necessita di definizioni date dal mondo dell'arte, che Plexus International non ha mai intenzionalmente preso in considerazione. L'artista-in-prima- persona, ossia senza “mediatori” tra l’artista e le sue opere, in Plexus International,  è contemporaneamente il produttore, il consumatore e il prodotto artistico finale della sua opera, e non un mero oggetto/prodotto come sta succedendo nell'attuale mercato dell'arte, un sistema sacrificale che annulla l’artista come soggetto/persona.

Negli anni ’90, attraverso una serie di Chiamate Aperte per il Well Being nel XXI Secolo, 1992-1999, Plexus International ha dato vita ad una serie di navigazioni culturali globali (Navigating Global Cultures) con il comune obiettivo di collegare l’arte – come una risorsa  per uno sviluppo sostenibile comunitario, atta a migliorare la qualità della vita di tutti. – al “bene dell’essere” (well-being), come un diritto umano per tutti; un modo cosciente di vivere realizzato attraverso una condivisa consapevolezza, individuale e collettiva, del concetto di natura e del posto che in essa occupa l’essere umano. Vi è la coscienza della  necessaria sostenibilità ed interconnessione tra tutte le sfere del vivere. Plexus rifiutando il concetto di “arte per arte”, ha posizionato invece l'arte nella  “comunita”, parte vitale della piu’ ampia realta’ nella quale tutti noi viviamo.Noi umani siamo una singola, interdipendente, specie diffusa in tutto il mondo. Quantunque questo ci piaccia o no, noi siamo intimamente legati con ciascun altro intorno alla terra.  Est e West, Nord e Sud, il nostro destino è unito insieme (Plexus Chiamata Aperta per il Well Being nel XXI Secolo, Porto di Cagliari, 1995).

Negli anni 2000, Plexus International ha dato vita, nell’ambito della DakOff della Biennale d’Arte Contemporanea Africana di Dakar,  al festival Le Triangle de l’Art de la Medina, 2002-2006, misurando artisticamente ogni due anni l'avanzamento dell’erosione marina diffronte alla Porta del Non Ritorno della Casa degli Schiavi, come simbolo dell’erosione della memoria storica dell’Umanità,  da cui ha preso vita l’evento itinerante “Erosions and Renaissance Shows” (2004-2012: Dakar, Ballarat-Australia, Lecce, Roma, New York, Barcellona, Las Palmas de Gran Canaria, Rio de Janeiro, Gerusalemme). Attraverso una serie di Chiamate Aperte, contributi artistici digitali sono arrivati da tutto il mondo ed esposti sulla Plexus Virtual Gallery,  richiamando l’attenzione sui  molteplici fenomeni di erosione in crescita nel mondo,: dall’erosione dei diritti umani, della libertà, della pace, all’erosione delle risorse naturali del pianeta e del patrimonio culturale dell’umanità.  Contributi digitali che sono stati anche riprodotti in fotocopie A3 ed esposti nelle diverse località dove l’evento itinerante e’ stato organizzato e da cui  ha preso forma il progetto  Plexus Metr’ART, che si svolge,  dal 2012, ogni anno il 10 Dicembre, in occasione della Giornata Internazionale dei Diritti Umani.

Queste misurazioni simboliche sono divenute nella costruzione del Metr’ART espressioni di libertà dell’Arte, non più intesa e vissuta come esperienza autonoma che riguarda l’espressione del singolo artista, ma un apporto collettivo all’ampliamento della percezione e alla conoscenza, un diverso modo vedere collettivamente artisticamente il mondo liberamente espresso e alla possibile formazione di una coscienza condivisa pur salvaguardandone la diversità, l’identità, di “ciascun” artista partecipante.

PLEXUS METR’ART UNA CO-OPERA MONUMENTALE STORICA

 

384 artisti, da tutti il mondo, hanno dato vita dal 2004 al 2017, con 847 opere digitali,  riprodotte in formato fotocopia A3, per lunghezza complessiva di 355,54 metri, alla costruzione del Plexus Metr’ART, un libero apparato compositivo e di comunicazione, senza censure, giudizi, selezioni o valutazioni, uscendo da qualsiasi schema consueto del mondo dell’arte contemporanea.  Le opere, inviate digitalmente, stampate in fotocopie A3, sono state unite insieme nel Metr’ART, come opera d’arte, non come apparizione isolata, ma come segmento e connessione di un insieme di relazioni. Ed è nelle relazioni tra gli artisti e gli eventi che riguardano una realtà unica e interconnessa, che l’opera di ognuno è divenuta ‘tassello’ originale del Metr’ART, una unita’artistica di misura dell’empatia universale, un gesto, un segno, un libero contributo, dando prova che si può cambiare avendo fiducia nelle mescolanze di relazioni, tracciando collegamenti tra di loro. All’interno del Metr’ART, le opere degli artisti, che hanno sempre il loro potere nel carattere di unicità, hanno dato vita ad un percorso raro di straordinaria qualità, durato 14 anni: espressivo, culturale ed intellettuale di dialogo e riflessioni a tutto tondo sulla vita del pianeta. Il progetto ha la sua particolarità artistica non solo per il coinvolgimento a livello globale di centinaia di artiste/i che vi hanno partecipato rispondendo alle Chiamate Aperte di Plexus International, ma soprattutto per la sua contestualizzazione culturale all’interno della realtà locale in cui l'evento si è svolto.Tutti gli eventi di Plexus International sono stati costruiti uno sull’altro. Ogni evento è accaduto nel proprio presente ma è stato costituito da concetti e attività del passato così proiettando le varie azioni nel viaggio futuro. Tutti rivolti a promuovere  un cambio di rotta nella nostra percezione e una più diffusa consapevolezza dello stato insostenibile del nostro pianeta terra.

All’interno di questi eventi, il rito della documentazione è diventato una parte significativa di Plexus International, questo ha permesso di mantenere viva una Plexus community ed unita la relazione fra gli artisti, dando continuità storica alle azioni, l’una con l’altra nell’arco dei 30 anni e piu’ di attivita’ artistica ininterrotta.  Le attività rituali della documentazione, come per esempio le foto delle foto di gruppo con centinaia di artisti,  sono diventate quindi per Plexus International una forma di partecipazione collettiva che a sua volta è divenuta una forma d’arte caratterizzante i suoi eventi.

Il viaggio di Plexus International è stata ed è una compressione d’arte e scienza, che cerca di superare la specializzazione e la frammentazione della conoscenza e relativo controllo da parte del mercato, in un panorama dell'arte contemporanea, caratterizzata dalla brevità storica dei suoi gruppi e movimenti artistici.  L'avventurarsi ai giorni nostri nelle nebbie della metafora del mito e degli archetipi, pressoché identici su tutte le latitudini, facendoli resuscitare nelle coscienze come dei fatti sempre presenti, può contribuire a ridonare oggi unità e consistenza ad una autocoscienza comune della nostra esistenza e delle nostre interdipendenze nel Pianeta Terra, inteso come un unico organismo vivente. Il linguaggio metaforico usato da Plexus International ha permesso di unire insieme artisti, scienziati e attivisti comunitari di differenti culture, lingue e discipline, portatori di valori diversi, attraversarsando i mari specialistici della conoscenza, con le sue categorizzazioni, classificazioni e fragmentazioni. Il Metr’ART ha significato nell’unicità dell’azione di centinaia di artisti che hanno negli anni risposto, spinti dai più disparati motivi, condividendo il piacere ed il valore di partecipare ad una opera collettiva, rendendo visibile l'incontro della diversità e la testimonianza di un primo passo spontaneo nel recupero di un immaginario collettivo.

PLEXUS CHIAMATA APERTA  “DIRITTO ALL’IMMAGINAZIONE” 2017

LA Chiamata Aperta del 2017 per il Metr’ART, in occasione Giornata Internazionale dei Diritti Umani 2017, è stata rivolta al “Diritto all’immaginazione” nei dettami di una attualità contemporanea che inserisce l’individuo in sistemi prestabiliti negando le possibilità di esistere “diversamente”. Le immagini e i suoni che si impongono ed invadono le nostre vite ogni giorno hanno la funzione di indirizzare e comprimere i desideri e la nostra immaginazione all’omologazione e al consumo. La capacità dell’arte è proprio quella di superare questa oscurità che annienta lo spirito, di darci la capacità di scrutare, di ricercare, di immaginare, di evolvere. Parlare di ampliamento della percezione quale premessa al “Diritto all’Immaginazione” è una necessità ed insieme un richiamo ad affinare i nostri sensi e connetterli tra loro, a rapportare istintivamente il nostro essere, il nostro interiore al mondo esterno, nel modo che è più peculiare a noi stessi e che ci libera dalle rigide concatenazioni degli statuti acquisiti, aprendoci a nuove conoscenze , a nuove e sorprendenti immaginazioni, nuovi rapporti inattesi e diversi verso una coscienza sempre meno succube ritrovando una nostra libera “immaginazione collettiva”. Il percorso evolutivo umano e la nostra storia ci parlano di una costante e puntuale presenza dell’arte nei processi di sviluppo della nostra specie umana, allargando gli orizzonti e la conoscenza del mondo. Queste considerazioni inducono a riflessioni sul ri-posizionamento dell’arte nei processi di cambiamento della vita planetaria nel suo complesso, che niente e nessuno escludono. Il posizionamento dell’arte come “mondo autonomo”  ha determinato l’allontanamento e la differenziazione dallo scorrere della vita nella società civile, ponendola all’esterno dei processi del divenire e dall’agire, come attività confinata nel suo specifico. 

La Porta del non Ritorno della Maison des Esclaves di Goree è divenuta nel viaggio di Plexus International la metafora dell’ attraversamento di una soglia - "aprire la porta del cuore per andare nel futuro", per un cambio di rotta nel processo di ampliamento della percezione e dell’ acquisizione di nuove conoscenze nel quadro delle esplorazioni in atto nell'arte contemporanea. Passare attraverso questa porta significa, quindi, impegno dell'artista-in-prima-persona in tal senso nell'ambito della comunità internazionale dell'arte.  A chi –come il viaggio di Plexus ha sempre cercato di testimoniare- si trova in questa condizione estrema, qualche varco di senso può essere aperto da quelle forme conoscitive in cui l’Immaginazione svolge un ruolo primario. Quando la coscienza lacerata riesce a rappresentarsi un solco di senso universale entro cui inserire la propria piccola storia individuale, può avvenire un cambiamento di prospettiva capace di trasformare l’individualità verso qualcosa che è più grande e nel contempo più piccolo dell’Io, e tuttavia prezioso e capace di orientarne le scelte e i passi. Ogni cambiamento, ogni spostamento, ogni mutazione dell’insieme dei rapporti che regolano la vita, trova risposta e corrispondenza in estetica, producendo modi nuovi, tempi diversi e diversa collocazione dell’ ”opera” nel contesto sociale, a ciò corrisponde una spinta evolutiva dell’intero sistema percettivo sia individuale che collettivo modificando il rapporto tra estetica, regola e comportamento, determinando nuovi e diversi modi di essere e comportamenti conseguenti.Rivalutando l’arte e la sua pratica come possibilità di ampliamento della percezione e sostanziale apporto di conoscenza, Plexus International e’ un libero invito ad avventurarsi in un viaggio nello sconosciuto, in cui l’artista in prima-persona e' l'immagine di un ricercatore dell’invisibile dove pero' l'invisibile e’ un nome ed un mondo della scienza moderna. La creatività del viaggio intrapreso da Plexus International si esprime con una dichiarata indeterminatezza, una sfida che coinvolge direttamente il sistema dell'arte. Plexus sembra avere sviluppato più un'Etica che un'Estetica, ma da un’angolazione fuori dallo schema del sistema 

 esistente, si comprende che questo è proprio il tratto portante della sua proiezione estetica originale.